Andiamo a scuola – Prepariamo il futuro

Andiamo a scuola - Prepariamo il futuro

Zona di intervento

 Comune di  Oursi

Oursi è un comune che fa parte dei cinque comuni della provincia di  Oudalan,  si trova nella parte più settentrionale del Burkina Faso e fa parte della regione del  Sahel. La sua distanza da Ouagadougou è di circa 340 Km, da Gorom-Gorom  35  km e da Dori 100 km. Ad Oursi iniziano le dune di sabbia, contro cui lottano, ogni giorno, allevatori e contadini per preservare i loro poveri averi,  ma è anche il posto dove  il deserto incontra la laguna chiamata il “Mare d’Oursi”,   un vasto barrage che trattiene l’acqua delle grandi piogge dove vengono a svernare dall’Europa varie specie di uccelli migratori e per questo parco naturale protetto.  

L’economia è una economia di sopravvivenza dove l’agricoltura resta la principale attività  e viene praticata dal 90% della popolazione. I principali prodotti sono  miglio,  mais, cipolle,  pomodori e le arachidi. Si riscontrano anche piccoli allevamenti di capre e  pollame oltre al commercio legato alla produzione agricola. Era  presente anche una piccola attività di turismo per le escursioni nel deserto del Sahara  che purtroppo è attualmente sospesa. Dal punto di vista della formazione scolastica, la Regione del Sahel risulta essere all’ultimo posto per la scolarizzazione attestandosi con una percentuale[1] del:43,5% (media nazionale 81,3%) per iscrizione alla scuola primaria  3,7%( media nazionale 21,6%)per  iscrizione alla scuola secondaria

 Situazione attuale

 Questa parte del nord del Burkina Faso da qualche anno è sotto la minaccia terroristica, i vari attentati ai villaggi, ai mercati,  le imboscate lungo le strade hanno come scopo quello di screditare il potere centrale, e mettere in forte difficoltà la macchina degli aiuti, a discapito dei burkinabé a cui manca tutto, a partire dall’acqua da bere. Lo  Stato centrale si è visto costretto a chiudere  gli edifici pubblici (scuole, centri sanitari, mercati), lasciando così la popolazione  priva di assistenza sanitaria, di istruzione e di beni di prima necessità e chi ha potuto ha lasciato il villaggio e si è spostato verso la capitale.

 La forte instabilità del Nord e il rischio continuo di attacchi terroristici ha portato, infine,  alla quasi paralisi degli aiuti da parte delle varie associazioni che operano in questa parte del Paese, lasciando la popolazione in balia degli eventi  e impotente di fronte all’ escalation del terrorismo.  A questo scenario dal marzo 2020 si è aggiunta anche la pandemia da Covid-19 che ha di fatto reindirizzato le  poche risorse al comparto sanitario.

La chiusura degli edifici pubblici di Oursi ha determinato l’impossibilità da parte degli alunni di completare il corso scolastico, infatti la città più vicina, Gorom-Gorom dista 35 km e sono pochi i ragazzi che possono permettersi di sostenere le spese per proseguire gli studi.

 

Il Progetto “Andiamo a scuola Prepariamo il futuro”

 Già nella stagione scolastica 2021/2022 abbiamo inserito  in un percorso di formazione professionale 10 ragazzi/e  e abbiamo dato la possibilità di proseguire gli studi ad altri 18 ragazzi/e, di cui due frequentano l’Università. Il percorso di studi e formazione sta proseguendo bene ed è nostra intenzione  non interrompere questo nostro intervento.

L’idea progettuale prevede il finanziamento, per la frequentazione delle lezioni scolastiche, a 18  ragazzi/e  e il finanziamento di un percorso formativo a 10 ragazzi/e tutti provenienti da famiglie vulnerabili del villaggio di Oursi e tutto ciò che è consequenziale: acquisizione di alloggi in affitto, approvvigionamento di alimenti e beni di prima necessità, pagamento di materiale scolastico e rette scolastiche, accollo delle spese di trasporto dei ragazzi da e per Oursi, lezioni di sostegno per i più deboli nello studio.

 

Beneficiari  del progetto:

 

  • 18 ragazzi/e provenienti da famiglie vulnerabili del villaggio di Oursi per un percorso scolastico di studi presso le scuole di Gorm-Gorom distante 35 Km e l’Università di OUAGADOUGOU distante 340 km

NOMS ET PRENOMS

CLASSE actuel

Ecole actuel

1

Saidou Aboulhabi

Univercité 2ème année

Università di Ouagua

2

Ridoun Karimoun

Univercité 1ème année

Università di Koudogou

3

Mohamed Myriam

1ere  D

GoromGorom

4

Oumarou Aboulhabi

Terminale D

GoromGorom

5

Zalifatou Ayouba

Seconde

GoromGorom

6

Housseini Mahaurane

3ème d

GoromGorom

7

Maimouna Ajaba

3ème d

GoromGorom

8

Hakilou Mazou

CP2

GoromGorom

9

Avandou Arouna

CP2

GoromGorom

10

Ali Hakilou

CP1

GoromGorom

11

Aminata Younoussi

CE2

GoromGorom

12

Boureima Salomone

6ème

GoromGorom

13

Amadou Abdouramane

4ème

GoromGorom

14

Soumana Seidou

6ème

GoromGorom

15

Aissetou Bouraima

CM2

GoromGorom

16

Aminata Bouraima

CM2

GoromGorom

17

Ramata Abdoulhaziz

CE1

GoromGorom

18

Aminata Babana

CM2

GoromGorom

  • 10 ragazzi/e provenienti da famiglie vulnerabili del villaggio di Oursi già avviati ad un corso presso la scuola professionale di DORI ( distante 100 Km) formazione in carpenteria in legno, in carpenteria metallica (saldatura), in energia solare ed elettricità, meccanico motociclistico, taglio cucito, patente di guida; i vari corsi sono stati scelti tenendo conto delle attitudini di ciascun ragazzo e la loro esperienza

NOMS ET PRENOMS

 

1

Moussa Saidou

Elettricista

2

Mounkeyla Mazou

Elettricista

3

Abas-samsouna Ali

Meccanico auto

4

Abasseousamate Hallilo

Meccanico moto

5

Sameilou Souley

Saldatore

6

Amadou Yaya

Saldatore

7

Bourreima Amadou

Saldatore

8

Maigabassara Boureima

Saldatore

9

Maiga Yacouba

Saldatore

10

MaigaDjabirou Ousseini

Sarto

[1]  Fonte Istituto nazionale della statistica e della demografia http://www.insd.bf/index.php/publications?id=36

 

Casa di Mariam

Una casa per Mariam”- Storia di un sostegno a distanza

Antonella, con molti sacrifici, è riuscita a realizzare il suo sogno: costruire una casa per Mariam, la sua bimba sostenuta a distanza.

Mariam è orfana di padre. La madre si è ritrovata sola, senza lavoro, senza un’abitazione e con quattro bimbi piccoli da sfamare. Per accudire le due piccole gemelline, Mariam e Rainan, ha fatto tesoro dell’aiuto del primogenito, Alassan, un bimbo splendido di pochi anni più grande. Ma, purtroppo, è dovuta ricorrere all’orfanotrofio per Agate, l’altra sorellina.

Ora, con la nuova casa e grazie al sostegno a distanza, si sono tutti riuniti.

Microscopio chirurgico

La prima causa di cecità in Burkina Faso tra gli over 40 è la cataratta, malattia che può essere curata solo chirurgicamente .
Suor Teresa è una infermiera specializzata con oltre 5 anni di esperienza (attaché de santé) ed è autorizzata ad effettuare alcuni tipi di operazioni in alcuni settori, tra i quali quello oftalmologico e la sua specializzazione è appunto l’operazione di cataratta
Abbiamo quindi contribuito con l’Associazione Progetto Divino all’acquisto di un microscopio chirurgico oftalmico per l’ambulatorio oculistico di Ghilongou, dove lei esercita la professione

Costo del microscopio 9.000 euro Nostro contributo 2.500 euro

Un’ambulanza per Yargo

A gennaio 2013 abbiamo consegnato al CSPS del Comune di Yargo l’ambulanza che il Comune e la Misericordia di Peccioli hanno donato alla nostra Associazione affinchè essa continuasse a svolgere il suo compito nella terra degli “Uomini Integri”. Con il responsabile del CSPS abbiamo visitato la struttura: la maternità dove era appena nata una bimba e l’ambulatorio .

Lettera di ringraziamento

Gentile sostenitore,

grazie per aver risposto positivamente alla campagna Emergenza COVID 19 in Burkina Faso; con il Tuo aiuto abbiamo raccolto oltre  3.000 euro, un risultato  che è andato ben oltre le nostre aspettative.

Proprio grazie alla Tua generosità le famiglie dei ns. bambini sostenuti a distanza e non solo, avranno un primo aiuto per l’acquisto di beni di prima necessità e per eventuali spese mediche da sostenere;

alla situazione per il COVID 19, in questo periodo dell’anno, si aggiungono anche i picchi stagionali per malaria e malnutrizione, pertanto il Tuo sostegno sarà di grande aiuto economico e morale perché é molto importante, per chi ha bisogno, sapere che è presente nei pensieri di chi è più fortunato.

Nella capitale un piccolo segnale di speranza: riaprono i primi mercati nonostante le scuole rimangano ancora chiuse; nel resto del paese oltre all’aggravarsi del COVID 19, ad un sistema sanitario al collasso, la popolazione deve fare i conti anche con gli attentati terroristici.

Faremo sentire la nostra vicinanza anche con il tuo sostegno

Appello del Presidente

Caro sostenitore, 

il Covid 19 purtroppo non ha risparmiato neppure il Burkina Faso, paese già in estrema difficoltà per il fatto di essere ormai da tempo oggetto di ripetute aggressioni da parte di organizzazioni terroristiche. 

Il sistema sanitario locale non è in grado di fronteggiare questa emergenza sanitaria, a causa della mancanza di risorse economiche, della inadeguatezza delle strutture ospedaliere e della povertà diffusa che rende difficile il rispetto delle più basilari norme igieniche. 

Dal 21 marzo sono state chiuse le scuole, le mense e tutti i mercati. Per il 90 % della popolazione burkinabé i mercati rappresentano l’unica fonte di reddito. Così, in questo periodo molte famiglie di nostri bambini sostenuti a distanza si trovano ancor più in difficoltà, essendo venuto a mancare quell’introito economico che, per quanto modesto, riusciva ad assicurare il sostentamento minimo della famiglia.

Ci rivolgiamo pertanto a tutti voi per una raccolta straordinaria di fondi, da destinare alle famiglie dei bambini sostenuti a distanza, per l’acquisto di beni di prima necessità e per eventuali spese mediche.

Un piccolo gesto da parte nostra, che però rappresenta un grande ulteriore atto d’amore nei loro confronti.

Non lasciamoli soli, ora più che mai hanno bisogno del nostro sostegno e della nostra vicinanza.

Se puoi e se vuoi aderire, versa il tuo contributo alla ns. Associazione effettuando un bonifico presso:

BANCA DI PISA E FORNACETTE

Credito Cooperativo, filiale di Riglione

IBAN IT  12 L 08562 14000 000010606432

Causale: “EMERGENZA COVID – SOSTEGNO A DISTANZA”

La campagna straordinaria si chiuderà il 30 APRILE 2020

Ti ringrazio di cuore a nome personale e soprattutto a nome di tutti i nostri bambini sostenuti a distanza dalla nostra Associazione

Associazione “Amici per l’Africa”

Il Presidente: Gianfranco Liut

banner prova

Finanzia un progetto

La piccola Caterina

Gennaio 2015

Siamo fermi alla missione di Pouytenga in attesa di incontrare i ragazzi adottati a distanza quando si avvicina una mamma con in braccio sua figlia. Parla solo Morè (la loro lingua) incomprensibile a noi tutti. Chiediamo aiuto ad un ragazzo e faticosamente riusciamo a sapere che la bimba, Caterina,   è molto malata: tre mesi prima ha avuto la febbre molto alta e da quel momento non è più riuscita a camminare ed a stare in piedi. Nell’autobus cade il silenzio e d’istinto decidiamo di andare a parlare con la Madre Superiora, suor Valeria, per avere la conferma e se è possibile aiutarla. Suor Valeria spiega che conosce bene sia la famiglia, che è molto povera,  e la malattia che ha colpito la piccola e che il medico ha prescritto  cure fisioterapiche e riabilitative per poter sperare di poter camminare di nuovo. Un cenno d’intesa ed il primo ciclo di cura è finanziato. Un incontro casuale o forse voluto da Chi tutto sa e dispone permetterà alla piccola di poter camminare.

Gennaio 2019

Abbiamo rivisto Caterina che, sorridente, muove i suoi primi passi, la riabilitazione è dolorosa e lunga ma Caterina ce la farà, anche grazie ai suoi genitori italiani che conosciutala tramite i nostri racconti, hanno deciso per il suo Sostegno a Distanza

I primi passi di Caterina

DONAZIONI

Tutto ciò che non viene donato va perduto ( Madre Teresa di Calcutta)

Il tuo contributo, piccolo o grande che sia non ha importanza, si concretizzerà in progetti volti a portare un futuro migliore agli abitanti del Burkina Faso. Le erogazioni liberali a favore dell’Associazione sono detraibili o deducibili secondo le vigenti disposizioni di legge.

Puoi effettuare la tua donazione nelle seguenti modalità:

Bonifico bancario
Intestazione: Associazione Amici per l’Africa onlus – Gruppo Missionario Ansa dell’Arno
BANCO BPM – agenzia di Riglione
Dall’Italia: I.B.A.N.  IT04 P 05034 14051 000000002806 Causale: Erogazione liberale a favore dei progetti di Amici per l’Africa- onlus

Carta di Credito
Puoi utilizzare la tua Carta di Credito in modo semplice e sicuro tramite la connessione criptata di PAYPAL, anche se non possiedi un account PAYPAL,
Cliccando qui sotto sul pulsante “donazione” sarai reindirizzato alla pagina di checkpoint del Server Sicuro di Paypal.

Paypal Puoi trasferire l’importo che vuoi donare tramite account Paypal in modo semplice e sicuro dalla tua mail alla nostra mail

Assegno

Puoi mandarci un assegno non trasferibile o circolare intestato all’Associazione, puoi richiedere la ricevuta del versamento ai fini delle detrazioni o deduzioni fiscali.

Ricordiamo che ogni ricevuta del bonifico o della transazione con Paypal o della ricevuta Paypal o dell’estratto conto della Carta di credito o bancario deve essere conservata per poterle utilizzare per usufruire dei benefici fiscali al momento delle dichiarazioni dei redditi in quanto l’Associazione è ONLUS.

DONA PER UN PROGETTO